Le 4 Giornate di Ercolano: Zavoli torna a Resina dopo 50 anni. Venerdì 12 ottobre al Mav

Ercolano. Il giornalista e senatore, presidente della commissione di vigilanza Rai, Sergio Wolmar Zavoli, torna a Resina dopo circa 50 anni dal documentario “La tratta degli stracci” che realizzò sullo storico mercato del vintage. Lo fa per partecipare alle “4 Giornate di … ErcolanoNotti bianche a colori”, evento promosso da Vesuvio’s Express, coop “Fortapàsc” e da alcuni imprenditori di Pugliano, e in programma da venerdì 12 a lunedì 15 ottobre. “Sergio si è commosso quando l’ho invitato all’evento e gli ho ricordato del suo reportage su Resina – racconta il direttore artistico Ciro Iengo –. Si è detto felice di partecipare alle 4 giornate di Ercolano, ma soprattutto di tornare a Resina dove ha mosso i primi passi di giornalista televisivo per la Rai. Sono contento di festeggiare con lui i 50 anni di quello storico documentario”. Iengo è anche l’ideatore della coop Fortapasc. È un modo per rievocare lo spirito battagliero che ha contraddistinto per anni questo piccolo pezzo di paradiso a basso costo, ricordando però anche il rispetto per le regole, concetti evocati nel film di Marco Risi, attraverso la storia di Giancarlo Siani – spiega -. Un giornalista che ha dato la vita per la legalità e il riscatto della nostra terra. Sarà Siani il testimonial della coop”.

Il convegno

Venerdì 12 ottobre, alle 17:30 presso il Museo archeologico virtuale di Ercolano, è in programma il dibattito dal titolo “Dalla tratta degli stracci di Zavoli a Fortapàsc di Risi passando per Apri le ville di de Baggis: da Resina una nuova sfida per la cooperazione e lo sviluppo”. All’incontro parteciperanno Sergio Zavoli, il regista Marco Risi, l’economista Massimo Lo Cicero, il prof. Piero Formica, la scrittrice Annamaria Milesi, il presidente uscente della Mostra d’Oltremare Nando Morra, Ciro Iengo. A seguire è prevista la presentazione di “Ginestra del Vesuvio parfum” e, in piazza Pugliano, lo spettacolo musicale i 50 anni di “Love me do” de “I sottomarini”, cover band dei Beatles.

Resina ieri e oggi

“Ha scaldato più italiani Resina che tutti i tessili della Lombardia… si chiamano stracci tanto per dire in realtà il valore di queste balle sta nella cosiddetta sorpresa qualcosa come la calza della Befana che finisce prima o poi col rivelare quello che c’è cerchi…”. Con queste parole, nel suo reportage (“La tratta degli stracci”, 1963), Sergio Zavoli raccontava il mercato di Resina – nato nel 1945 come spaccio di oggetti e abiti raccolti soprattutto tra i soldati alleati e tedeschi – sito ancora oggi in via Pugliano, nel cuore antico di Ercolano, aperto tutte le mattine, anche la domenica, dalle 8 alle 13 circa. Oggi a Resina non si trovano più solamente “stracci vecchi”, roba di seconda mano, ma “anche abiti firmati, pelletteria e pellicce, scarpe di ogni tipo, occhiali da sole, gioielli, borse e accessori vari. Costumi per cinema e teatro, vestiti di carnevale, tute da neve, abbigliamento sportivo. Divise militari e abiti da lavoro. Gucci, Chanel, Prada, Versace, Moschino, Dolce & Gabbana, Nike, All Stars, Levi’s. Tutto a prezzi stiacciatissimi… Costumisti del cinema e del teatro vengono a Resina a rifornirsi: pare che siano stati acquistati qui gli abiti di scena di film come “La meglio gioventù”, “I cento passi”, “Prima dammi un bacio”. Ma non solo! Con lo spopolare in questi ultimi anni per lo stile rétro, diversi sono gli stilisti famosi che vengono a visitare il mercato di Pugliano per prendere spunto per le loro collezioni”, come ha avuto modo di scrivere il giornalista M.C. Esposito in un recente articolo pubblicato su http://eventinapoli.com.

Il programma

Sabato 13 ottobre al Mav, in occasione della Giornata in bianco, è in programma alle 17:00, l’evento Un sorriso per la Vitapremio speciale Marcellino de Baggis, giovane giornalista scomparso pochi mesi fa. Nel corso della serata saranno premiati alcuni personaggi dello spettacolo, della musica e della cultura distintisi in ambito sociale, economico e culturale. Verrà poi presentato il video clip “Vesuvius Bunks” (www.youtube.com/watch?v=xoB13864ZuU), lavoro discografico e omaggio di Franky B e Luigi Pane alla propria terra, con la partecipazione di James Senese, il sax nero del Vesuvio. In serata Pugliano si trasformerà in un sobborgo di Buenos Aires, con l’esibizione del maestro Adriano Mauriello e della ballerina argentina Natalia Cristofaro dell’Accademia Nazionale Italiana Tango Argentino (Anita Tango) di Salerno che si esibiranno tra gli stracci e i vestiti delle fiction con l’orchestra Suerte Loca (musicalizador della serata è Enrico Olivetti); e con la performance della pittrice e scultrice Gladys Mabel Cantelmi che esporrà le sue opere in una mostra dal titolo “dall’Io (ultrareale) al Cosmo: viaggio attraverso le energie dei colori”. Domenica 14, alle 10:30, per la Giornata dedicata al rosso, andrà in scena il premio dedicato alle donne vesuviane e non solo: “Donne all’opera incontri di..vini”. In serata si torna a ballare con la tammorra del maestro Marcello Colasurdo. Lunedì 15 “Le 4 giornate di … Ercolano” si chiudono con la Giornata dedicata al verde. In mattinata è previsto un educational tour nel mercato di Pugliano con alcuni consoli europei, mentre in serata è previsto il concerto di James Senese.MV